Ops! Qualcosa non ha funzionato...
Sembra che il tuo browser non sia aggiornato.
Puoi farlo semplicemente cliccando uno dei link qui sotto.

Classe di merito (CU)

Un valore unico per il livello di sinistrosità

Classe di merito (CU): cos'è e come funziona

Un valore determinante per il prezzo della polizza

Il livello di sinistrosità

La Classe di merito con sistema Bonus Malus è un valore che viene attribuito a ciascun assicurato in funzione della propria sinistrosità. Per comparare le polizze delle diverse compagnie e favorire così la trasparenza e la concorrenza del mercato assicurativo, l'ISVAP nel 2005 ha previsto le classi di merito universali (CU).

Le classi di merito universali, come suggerisce il nome, sono uguali per tutte le compagnie assicurative e prevedono le stesse regole evolutive, ovvero l'omogeneità delle regole che stabiliscono l’aumento o la diminuzione della classe di merito a seconda che si provochino o meno dei sinistri durante il periodo di osservazione.

Ciascuna compagnia può scegliere di adottare delle regole specifiche nell'attribuzione della classe di merito interna ai propri clienti, fermo restando l'obbligo di prevedere regole di corrispondenza tra classi di merito interne e classi di merito universali. Le compagnie hanno anche l'obbligo di riportare nell'attestato di rischio non solo la classe di merito interna maturata, ma anche la classe di merito universale.

La tabella sottostante sintetizza le regole evolutive previste dall'ISVAP.

Classe di merito (CU)

Il sistema Bonus Malus

Se durante l'annualità assicurativa il proprietario del veicolo non provoca alcun incidente, verrà applicato il Bonus e la sua classe di merito diminuirà. Se provoca un sinistro, invece, verrà applicato il Malus e la Classe di merito aumenterà.

La Classe di merito va dalla 1 alla 18, con i valori più bassi riservati ai guidatori più virtuosi. Quando si assicura un veicolo per la prima volta, la Classe di merito attribuita d'ufficio è la 14.

Rimborso del sinistro

Per evitare l'applicazione del Malus in seguito a un sinistro, è possibile rimborsare alla compagnia l'importo liquidato. Questa possibilità risulta conveniente per i sinistri di lieve entità: con il rimborso, infatti, è possibile ottenere la cancellazione del sinistro dal proprio Attestato di rischio (ATR) ed evitare così l'applicazione del Malus.

Per conoscere le modalità con cui effettuare il rimborso degli importi liquidati nei sinistri, è necessario consultare il Set informativo. Nel caso in cui il contraente subisca il furto del veicolo assicurato ha diritto al mantenimento della Classe di merito, purché stipuli il nuovo contratto di assicurazione entro un anno dalla data del furto.

Il Sito utilizza cookies analitici di terze parti per offrirti un servizio in linea con le preferenze da te manifestate nell'ambito della navigazione in rete. Se vuoi saperne di più o negare il consenso ai cookies, clicca qui.
Se prosegui nella navigazione selezionando un elemento del Sito, acconsenti all'uso dei cookies.