Ops! Qualcosa non ha funzionato...
Sembra che il tuo browser non sia aggiornato.
Puoi farlo semplicemente cliccando uno dei link qui sotto.

Responsabilità civile autoveicoli

Le principali caratteristiche

Come funziona la copertura Rc obbligatoria

Chi tutela e in quali situazioni

La Responsabilità civile in breve: come funziona

L'assicurazione Rca (Responsabilità Civile Autoveicoli) è il contratto con cui una compagnia assicurativa, a fronte del pagamento di una tariffa (Premio), garantisce il risarcimento di eventuali danni causati a terzi dal veicolo assicurato.
L'art. 122 del Codice delle Assicurazioni prevede l'obbligo di assicurare i veicoli in circolazione su strade di uso pubblico o su aree a queste equiparate. L'obbligatorietà nasce dall'esigenza di garantire un giusto risarcimento ai soggetti danneggiati, indipendentemente dalle disponibilità economiche del responsabile di un sinistro.

La tutela dei terzi in caso di incidente con colpa

In caso di incidente con colpa, la polizza Rca copre i danni a terzi che interessano sia cose che persone (es: altri veicoli, pedoni, beni mobili e immobili). Sono considerati terzi, e hanno quindi diritto all'indennizzo, anche i passeggeri del veicolo stesso che causa il sinistro. Al contrario, in base all'art. 129 del Codice delle Assicurazioni, in caso di incidente con colpa la garanzia Rca non prevede alcun risarcimento per il conducente del veicolo. Per questo motivo è sempre consigliato aggiungere alla propria polizza la garanzia infortuni del conducente.

Responsabilità civile e tutela del conducente

In caso di incidente con ragione

In caso di incidente con ragione, alla compagnia della controparte spetta il risarcimento dei danni e saranno indennizzati anche il conducente e i beni trasportati. In caso di incidente tra soli due veicoli e senza danni gravi alle persone, se entrambi sono assicurati con compagnie aderenti alla convenzione CARD, il danneggiato può rivolgersi direttamente alla propria compagnia per ottenere il risarcimento. Al contrario in caso di incidenti più complessi o con lesioni gravi occorrerà rivolgersi alla compagnia di controparte.

I massimali

Quando si verifica un incidente stradale i danni vengono risarciti dalla compagnia entro i limiti stabiliti al momento della sottoscrizione della polizza. Questo limite è detto Massimale. Se i danni superano il valore del massimale, l'importo in eccesso sarà a carico dell'assicurato. In base a quanto stabilito dalla legge, il massimale minimo garantito è:

  • 6.070.000 di euro per singolo sinistro per danni alle persone
  • 1.220.000 di euro per singolo sinistro per danni alle cose

Molte compagnie offrono la possibilità di scegliere massimali superiori ai minimi stabiliti dalla legge. I clienti Prima ad esempio possono scegliere, oltre a quello minimo di legge, i seguenti massimali:

  • 7.000.000 di Euro per danni alle persone e 3.000.000 di Euro per i danni a cose
  • 10.000.000 di Euro per danni alle persone e 5.000.000 di Euro per i danni a cose

Il prezzo delle polizze

Nelle polizze Rca il prezzo pagato (premio) è legato alla rischiosità del veicolo assicurato. Ciascuna compagnia determina il livello di rischio in base a diversi parametri. Tra questi fattori ricordiamo l'età del contraente, proprietario o conducente, la storia assicurativa di chi stipula la polizza (che include gli anni assicurati ed eventuali sinistri) e l'ubicazione geografica. Non tutte le assicurazioni adottano gli stessi parametri o li valutano allo stesso modo. Per questo i prezzi delle polizze variano da una compagnia all'altra.

Il sistema Bonus Malus

Uno degli elementi che influenzano il premio delle polizze è il meccanismo Bonus Malus. Ad ogni assicurato viene assegnata una classe di merito che migliora o peggiora nel tempo a seconda che vengano causati o meno dei sinistri durante ciascuna annualità assicurativa.
La classe più virtuosa è la 1, la peggiore è la 18. Per i contraenti che assicurano per la prima volta un veicolo la classe di partenza è la 14. Grazie alla cosiddetta agevolazione Bersani, il contraente ha diritto ad assicurare per la prima volta il proprio veicolo utilizzando la classe di merito di un altro veicolo della stessa tipologia appartenente a se stesso o ad un membro del suo nucleo familiare stabilmente convivente.
Alla fine di ogni annualità se non si fanno sinistri la classe di merito diminuisce di un livello oppure aumenta di due o più livelli se si causa uno o più sinistri. In questo modo il premio annuale diminuisce di anno in anno per i contraenti che non hanno mai provocato incidenti mentre subisce degli aumenti per gli assicurati che hanno provocato uno o più sinistri.